A vederlo per la prima volta ti sembrerà una birra alla spina, mentre in bocca sprigiona tutto l’aroma del caffè. Che cos’è? È il nitro coffee, il nuovo trend della caffetteria 2019 che arriva in Europa direttamente dal bel paese a stelle e strisce e arricchisce la proposta dei bar e delle caffetterie italiane. Il caffè nitro è un caffè all’azoto, una evoluzione avanzata del classico Cold Brew, con una piccola differenza: qui la bevanda viene estratta a freddo e poi addizionata con il gas.

 

Nitro coffee, il nuovo caffè alla spina

 

Il nitro è una scoperta molto recente: alcune leggende metropolitane narrano che i primi a sperimentarlo furono due baristi di New York, tra il 2011 e il 2015. La paternità è sconosciuta, non sappiamo nulla, quello di cui siamo certi è del suo processo che portò alla scoperta: il gas, come per il diossido di carbonio nella soda, è da sempre impiegato per addizionare le bevande fredde. Da qui, probabilmente, l’intuizione del Nitro Coffee Cold Brew.

 

La tecnica del nitro coffee è la stessa che viene impiegata per alcune birre (la classica birra stout come la Guinness): viene, infatti, utilizzato l’infuso freddo di azoto, rilasciato attraverso una valvola pressurizzata con dei piccoli fori che permettono di creare un effetto cremoso. E in effetti si tratta di caffè alla spina. Molto più lungo del classico espresso, il nitro coffee viene servito alla spina e molto spesso in boccali cilindrici di vetro simili a quelli utilizzati per la birra.

 

Estrazione a freddo: come funziona?

 

Abbiamo già detto che il processo che porta all’estrazione a freddo del caffè è lo stesso del Cold Brew: Il caffè viene estratto a freddo grazie ad una lunga infusione in acqua di circa 12 ore che permette di ottenere un caffè particolarmente aromatico: la bevanda risulta morbida e cremosa, caratterizzata da una bassa acidità.

 

Nel caso del caffè nitro, la bevanda viene poi semplicemente addizionata con l’azoto. L’aspetto è, dunque, quello di una birra servita alla spina di colore ambrato scuro. Il caffè all’azoto è freddo, saporito e con una cremina dorata che non contiene, ovviamente, latte, ma è dovuta all’addizione del gas.

 

Il gusto del nitro coffee: morbido e delicato ma anche saporito

 

Nitro? Buono, morbido e delicato ma anche molto gustoso.

 

Il nitro coffee è un caffè estremamente morbido, con una texture setosa e vellutata ma risulta anche saporito e profumato perché il gusto viene esaltato dalla lunghissima macerazione della polvere di caffè macinato in acqua. La sua texture unica e vellutata è dovuta all’azoto che, a differenza dell’anidride carbonica, non si dissolve nei liquidi e non provoca quindi la densità di bolle che invece troviamo nell’acqua minerale frizzante.