Totale provvisorio
    Il carrello è vuoto
    Hai aggiunto al carrello
     
    TOTALE PARZIALE
    VAI AL CARRELLO

    TORNA INDIETRO
    TheCoffeeBook

    B come Beneficio

    Pubblicato il 08 marzo 18

    Il beneficio è il processo di lavorazione dal quale, una volta terminata la raccolta, si ottengono i chicchi di caffè verdi, pronti per l’esportazione.

    Esistono tre diversi sistemi:

    ·      Beneficio secco

    ·      Beneficio umido

    ·      Beneficio semi-lavato

    BENEFICIO SECCO

    È il metodo di lavorazione più antico, utilizzato in tempi remoti in Medio Oriente già dagli Arabi e tuttora adottato nei Paesi dove il clima piuttosto secco, durante la stagione della raccolta, favorisce l’essiccazione delle ciliegie come il Brasile, l’Africa Occidentale e il Sud-Est Asiatico (Vietnam e Laos).

    Nel metodo a secco, meno laborioso e più economico, i frutti appena raccolti vengono stesi a sottili strati e lasciati essiccare all’aperto per 2-3 settimane. L’esposizione al sole nei patii prima e l’azione delle macchina poi, consentono la separazione del chicco sia dalla polpa ormai secca che dalle due membrane protettive.

    Si ottiene in questo modo il cosiddetto “caffè naturale”, poco uniforme e caratterizzato da un colore verde-giallo per gli Arabica e verde-marrone per i Robusta.

    BENEFICIO UMIDO

    È il processo maggiormente diffuso nei Paesi dell’America Centrale (Messico e Colombia), in Africa (Kenya e Tanzania) e in India. Messo a punto dagli olandesi nel 1740, è utilizzato in quei Paesi dove il clima, piuttosto piovoso, non permette la lavorazione a secco.

    A differenza del precedente questo sistema è più laborioso e impegnativo e deve iniziare al massimo il giorno seguente la raccolta per evitare la fermentazione.

    Le ciliegie vengono spolpate da una macchina che separa l’esocarpo dal chicco. I grani ottenuti vengono poi fatti fermentare in grosse vasche d’acqua per 1-2 giorni durante i quali una sostanza chiamata “mucillagine” che ricopre il chicco si separa completamente dallo stesso. Segue quindi la fase di lavaggio ed essiccazione al sole o in essicatoi meccanici. Il caffè ottenuto, che conserva ancora il pergamino e la pellicola argentea, viene infine stoccato in magazzini ben areati.

    Da questo processo si ricava il cosiddetto “caffè lavato” o “mild”, particolarmente pregiato in quanto molto uniforme nell’aspetto: colore verde-blu per gli Arabica e verde-giallo per i Robusta.

    B come beneficio_lancio_05
    B come beneficio_lancio_06

    BENEFICIO SEMI-LAVATO

    È una tecnica piuttosto recente sperimentata a partire dai primi degli anni ’90, prima in Costarica e poi in altri Paesi come la Colombia e il Brasile.

    Le ciliegie, subito dopo la raccolta, vengono spolpate e in parte demucillate da una macchina per evitarne la fermentazione. I chicchi vengono quindi fatti asciugare al sole o negli essiccatoi al fine di eliminare anche la mucillagine residua.

    I caffè così ottenuti sono chiamati “semi-lavati”.

    Questo sistema, utilizzando una quantità di acqua inferiore rispetto al metodo a umido, permette un notevole risparmio di una risorsa così importante in quei Paesi.

     

     

     

     

    Abbiamo trovato altri articoli che potrebbero interessarti...

    MAGAZINE
    E come Espresso

    TheCoffeeBook

    SCOPRI DI PIÙ
    MAGAZINE
    B come Beneficio

    TheCoffeeBook

    SCOPRI DI PIÙ
    MAGAZINE
    C come Crema

    SCOPRI DI PIÙ
    MAGAZINE
    A come Amaro

    SCOPRI DI PIÙ
    MAGAZINE
    M come Miscela

    TheCoffeeBook

    SCOPRI DI PIÙ
    MAGAZINE
    T come Torrefazione

    TheCoffeeBook

    SCOPRI DI PIÙ
    MAGAZINE
    R come Robusta

    TheCoffeeBook

    SCOPRI DI PIÙ
    MAGAZINE
    M come Macinatura

    TheCoffeeBook

    SCOPRI DI PIÙ
    MAGAZINE
    I come intensità

    TheCoffeeBook

    SCOPRI DI PIÙ
    MAGAZINE
    G come Gusto

    TheCoffeeBook

    SCOPRI DI PIÙ