Moreno Cedroni

Puoi trovare il nostro caffe nei ristoranti:

La Madonnina del Pescatore (Senigallia) Clandestino Sushi Bar (Portonovo) e Anikò Salumeria Ittica (Senigallia). 

Moreno Cedroni nasce ad Ancona nel 1964.

Vent’anni dopo apre La Madonnina del Pescatore, ristorante di lusso incastonato nella splendida cornice marchigiana. Nel 1996, viene premiato con la prima stella Michelin, nel 1999 con il “Sole” di Veronelli e nel 2000 con le tre forchette del Gambero Rosso.


Proprio all’inizio del nuovo millennio, apre nella baia di Portonovo ad Ancona, il Clandestino Susci Bar, un punto di riferimento per gli amanti del crudo. Apice della creatività e dell’innovazione nel mondo della ristorazione, nel 2003 Cedroni dà vita alla prima salumeria ittica: Anikò a Senigallia. Contestualmente nasce inoltre l’Officina, un laboratorio sperimentale a marchio CE dove produrre salumi e conserve di pesce, marmellate, confetture, sughi e altri prodotti selezionati.
Nel gennaio del 2004, Moreno Cedroni presenta il nuovo libro “Multipli di venti” in cui racconta i suoi primi vent’anni di carriera.

 

Nel 2005 diventa Brand Ambassador Lavazza. L’anno successivo arriiva l’alto riconoscimento della seconda stella Michelin per la Madonnina del Pescatore.

Nell’ottobre 2008 viene dichiarato vincitore del premio svedese Kungsfenan Seafood Awards per la sua padronanza e tecnica nel maneggiare la materia prima, per la sua creatività e capacità di intrecciare tradizione e innovazione in cucina.
Nel 2011 pubblica “Maionese di fragole” presso la casa editrice Mondadori,  il primo libro di narrativa con consigli di educazione alimentare per bambini e ricette in cui mischia invenzioni e rivisitazioni.
Nel 2012 The Wall Street Journal inserisce la Madonnina del Pescatore tra i migliori 10 ristoranti di pesce d’Europa.

Il nuovo libro di Cedroni, “Susci più che mai”, edito da Giunti, esce nel 2014. Nello stesso anno, Cedroni entra nel consiglio direttivo della Fipe e l’anno successivo diventa Ambassador per l’Expo.

Nel 2017 Moreno Cedroni conduce il programma Top Chef con Giuliano Baldessari, Mauro Colagreco e Annie Féolde.

Riconosciuto vero e proprio inventore del susci all'italiana, nel febbraio 2018, Moreno Cedroni è stato nominato dal Norwegian Seafood Council ambasciatore dello Stoccafisso di Norvegia, per la sua straordinaria familiarità con il pesce e la sua innovativa reinterpretazione di questo ingrediente in cucina. 

 

Numerose nel corso della carriera sono state le partecipazioni a congressi gastronomici del calibro di Identità golose, El mejor de la gastronimia, Gastronomika, Omnivore. Molteplici anche le collaborazioni e consulenze tra cui quelle con Moschino, San Resort, Baglioni Hotels, Lavazza, San Pellegrino, Mc Cann.

Dicono della sua cucina che sia esigente, un laboratorio moderno, flessibile e composto che tiene saldi i criteri dell’essenzialità, fondendo la classe della tradizione a elementi più freschi. I registri della carta della Madonnina del Pescatore sono tanti. Tra questi l’ironia, per esempio, che trova le sue interpretazioni più riuscite in Italia contrappuntata a dovere nei diversi menu targati Cedroni.

La madonnina del pescatore

Nel ristorante la Madonnina del Pescatore di Senigallia, lo chef stellato Moreno Cedroni dirige una cucina esigente, flessibile e composta, incentrata per lo più sul pesce. Must gastronomici sono il sushi, la costoletta di rombo e la prima colazione.

Gli altri Chef

Fratelli Costardi
VEDI LA SCHEDA

Davide Oldani
VEDI LA SCHEDA

Carlo Cracco
VEDI LA SCHEDA

Fratelli Cerea
VEDI LA SCHEDA

Alfredo Russo
VEDI LA SCHEDA

Ferran Adrià
VEDI LA SCHEDA

Massimo Bottura
VEDI LA SCHEDA