Alfredo Russo

Puoi trovare il nostro caffe nei ristoranti:

Dolce Stil Novo (Reggia di Venaria).

Alfredo Russo nasce a Torino nel 1968; a soli 13 anni scopre la sua passione per la cucina che decide di assecondare prima iscrivendosi alla scuola alberghiera e poi con una gavetta in tre ristoranti piemontesi stellati.

 

Inizia così quindi, l’avventura culinaria di Alfredo, con un viaggio nell'alta cucina che ha saputo rafforzare il suo spirito umano e prepararlo alle sue future creazioni rivoluzionarie.

 

Nel 1990, concentrò la maggior parte dei suoi sforzi nell'apertura del suo ristorante: il Dolce Stil Novo, nato in collaborazione con la moglie Stefania nella piccola Cirie, alla periferia di Torino. L’unico ristorante all’interno di una Reggia, quella di Venaria: un luogo dal grande fascino che conquista con la sua bellezza e imponenza, con una vista mozzafiato. La stella Michelin arrivò dopo soli tre anni di attività.

Verso la fine del 2008, il Dolce Stil Novo si è trasferito in un luogo che è patrimonio mondiale dell’UNESCO: la Reggia di Venaria. In questo modo, Alfredo Russo non è solo un nome legato a un ristorante stellato ma è anche metonimia di una filosofia gastronomica e di accoglienza più ampia, che punta a sviluppare nuovi concetti per grandi e piccole catene alberghiere in Europa, Asia, Medio Oriente e America.

 

Nel 2004 la Guida l’Espresso lo ha nominato miglior giovane chef italiano.

Dolce Stil Novo


Il nome “Dolce Stil Novo” è stato scelto da Alfredo Russo «perché voleva proporre uno stil novo di cucina rispetto agli altri ristoranti della zona e Dolce Stil Novo suonava bene». Nella sua cucina aleggiano un estremo rispetto per il passato e una costante ricerca del semplice, di linee e soluzioni che riescano a coniugare sapori e allegria. I suoi piatti non sono mai pesanti, piuttosto eleganti in maniera sbarazzina, gioiosi.

 

 

Gli altri Chef

Moreno Cedroni
VEDI LA SCHEDA

Ferran Adrià
VEDI LA SCHEDA

Norbert Niederkofler
VEDI LA SCHEDA

Luca Fantin
VEDI LA SCHEDA

Massimo Bottura
VEDI LA SCHEDA

Igor Macchia e Giovanni Grasso
VEDI LA SCHEDA

Carlo Cracco