Totale provvisorio
    Il carrello è vuoto
    TORNA INDIETRO
    10 minuti

    Il nuovo ristorante Condividere: l’alta cucina si fa informale

    09-06-2018 • Eventi

    Guidato dallo chef modenese Federico Zanasi, ha aperto a Torino - nella Nuvola Lavazza - Condividere, che mette in tavola un’esperienza gastronomica spontanea e allegra, come in un banchetto in famiglia. Il concept è stato ideato da Ferran Adrià, mentre la scenografia è firmata da Dante Ferretti.




    Il buon cibo da mettere al centro e da condividere, come in famiglia o tra amici, che mette di buon umore e fa dimenticare la pressione dello scorrere del tempo. Così i migliori sapori della tradizione italiana vengono esaltati in una chiave allegra e contemporanea. Ha aperto a Torino Condividere: il ristorante della Nuvola Lavazza prende il nome dal latino cum e dividere ed è l’espressione di una nuova filosofia del gusto e di una modalità di consumo del cibo ispirata alla condivisione informale dei piatti d’autore.




    Può sembrare un paradosso gastronomico, ma Condividere è alta cucina informale. Lo chef modenese Federico Zanasi, 43 anni, mette in tavola un’esperienza culinaria da gustare con la spontaneità e l’allegria tipiche di un pranzo in famiglia. Si valorizza così l’eccellenza delle materie prime e della preparazione: il cibo è al centro del tavolo in tutto il suo “potere socializzante”, protagonista assoluto nella sua sostanza e senza fuochi di artificio.




    “Condividere supera l’idea che l’alta cucina debba essere fredda, ingessata e formale. Al contrario, mettiamo in tavola - commenta lo chef Zanasi - il concept sviluppato da Ferran Adrià, che si basa sull’esperienza ‘compartida’ di alto livello gastronomico, e crediamo nella condivisione del cibo come un momento fondamentale nelle relazioni tra le persone. Ecco perché tutto in Condividere - dal menu al servizio, dall’arredo fino alla scenografia, firmata dal premio Oscar Dante Ferretti - è pensato per mettere a proprio agio le persone e creare un clima informale, in cui la gente possa parlare e rilassarsi in compagnia, ritrovando l’atmosfera del pranzo in famiglia della domenica, tipico della tradizione italiana”.




    Piatti simbolo - La cucina italiana della tradizione è riletta in chiave contemporanea e spensierata dallo chef Zanasi, in una vera “ibridazione di gusto” con la modalità di consumo in stile tapas da condividere. Si ottiene così un connubio originale tra ricette storiche o tradizionali, creatività e preparazione moderna, che si può gustare al meglio in tre piatti simbolo di Condividere.

    Gelato al parmigiano Bob Noto - Omaggio al fotografo e gastronomo torinese scomparso nel 2017, questo piatto abbina il gelato al parmigiano - una delle ricette più famose di Ferran Adrià - con il sapore agrodolce dell’idromiele, il nettare degli dei apprezzato fin dai tempi dell’antica Roma.

     

     

     

    Gofri di farinata - La farinata di ceci assume la forma tipica dei gofri, cibo di strada piemontese nato nell’Ottocento e ispirato ai waffles francesi. Cucinata nella tipica piastra per gofri, la farinata assume la forma di grata e risulta così molto croccante fuori, ma piuttosto morbida all’interno.

     

     

     

    Brioche modenese - Originale reinterpretazione della tigella, tipica focaccina e street food della tradizione modenese. La tigella di Condividere è leggera e gustosa: una brioche viene cotta a vapore, svuotata e farcita con uno speciale lardo pestato, per essere poi piastrata nella tigelliera e servita alla giusta temperatura.

    Dulcis in fundo - Co-protagonista dell’intera offerta food di Condividere è il caffè Lavazza. Per la prima volta, infatti, al termine del pasto i clienti si spostano in un’area separata e appositamente attrezzata, ribattezzata Dulcis in fundo: un cambio di ambientazione che fa diventare itinerante il pranzo o la cena e dà così più valore alla degustazione dei dolci e al rito finale del caffè. Un goloso assortimento di dolci - sia conviviali, da condividere con tutto il tavolo, sia morphing, in originali monoporzioni da gustare in 2-3 morsi - è tra i punti forti del ristorante, insieme a una coffee experience che permette di scegliere tra diverse miscele e preparazioni (ad esempio, il Chemex in varie aromatizzazioni), mettendo così la firma e l’aroma d’autore sull’esperienza gastronomica di Condividere






    Condividere




    Il ristorante Condividere - situato a Torino, all’interno della Nuvola Lavazza - è espressione dell’alta cucina informale: una nuova filosofia del gusto e una modalità di consumo del cibo ispirata alla condivisione informale dei piatti d’autore. 

    Il concept è stato ideato e sviluppato da Ferran Adrià, elBulli Foundation, mentre la scenografia è firmata da Dante Ferretti. Il premio Oscar ha creato un ambiente urbano e colorato, accogliente, in cui il tempo sembra quasi sospeso e in cui la scena è dominata da una fabbrica del caffè, in cui grandi orologi indicano i fusi orari dei Paesi di origine della materia prima.

    A guidare la squadra di Condividere - 20 professionisti tra sala e cucina - è lo chef Federico Zanasi (Modena, 1975). Già chef del ristorante dell'Hotel Principe delle Nevi di Cervinia (2012-2016), Zanasi ha collaborato 9 anni con Moreno Cedroni ed è stato migliore Sous Chef dell'Anno nel 2011.

     

    Coperti

    Da 45 a 60.

     

    Orari

    Dal martedì al venerdì dalle 19:30 alle 22; il sabato dalle 12:30 alle 14 e dalle 19:30 alle 22; la domenica solo a pranzo dalle 12:30 alle 14.

     

    Chiusura

    Domenica a cena, lunedì tutto il giorno.

     

    Prezzi

    Menu alla carta; percorsi di degustazione a partire da 70 euro a persona (bevande escluse).

     

    Per informazioni e prenotazioni
    www.condividere.com

     

    I credits di Condividere

    Cucina a cura di Federico Zanasi

    Progetto architettonico: CZA-Cino Zucchi Architetti

    Concept generale di Ferran Adrià

    Ideazione e concept della scenografia di Dante Ferretti

    Impresa di costruzione: CPT (Paolo Capitelli)

    Realizzazione della scenografia di Mekane

    Direzione generale lavori: Roberta Minici

    DOWNLOAD
    DOWNLOAD
    PDF