Ideato da un barista russo in una caffetteria di Mosca per soddisfare la richiesta di un cliente che voleva provare qualcosa di diverso dalla solita bevanda. Strano ma vero: il nome di questo cliente era Rafael che venne poi abbreviato in Raf. Da qui il nome e la fortuna del Coffee Raf, il caffè più amato dai russi, oggi presente in tutti i menu delle caffetterie in Russia.

 

Tutti pazzi per il caffè Raf, nella patria degli zar

 

Nel gusto il Raf coffee si rivela molto dolce e cremoso, anche senza l’aggiunta di sciroppi, per via della quantità di grassi presenti, che tendono anche a coprire le note aromatiche del caffè. Una bevanda molto interessante, quasi un dessert al caffè che si adatta perfettamente al clima rigido della stagione invernale in Russia.

 

Caffè Raf: come si prepara?

 

Il primo passo da fare è inserire in una lattiera due cucchiaini di zucchero vanigliato. Prepara un doppio espresso e versalo in un piccolo recipiente per liquidi e aggiungi lo zucchero insieme alla panna liquida. Procedi alla montatura della bevanda con la lancia vapore seguendo lo stesso metodo usato per la montatura del latte per il cappuccino fino a raggiungere la temperatura perfetta e, infine, versalo in una tazza da 250 ml.

 

Oltre al classico coffee Raf, alcune caffetterie propongono il Lavander Raf, una versione rivisitata del classico Raf, ma con una piccola variante floreale: lo zucchero vanigliato viene sostituito con lo zucchero alla lavanda. C’è anche il Violet Raf con lo zucchero alla violetta. Scopriamo insieme la ricetta originale del coffee Raf.

 

Infine, il tocco finale: per un latte art e un servizio perfetto puoi cimentarti in una decorazione in etching con le tue ultime gocce di espresso e con l’aiuto di una penna per creare tratti precisi e sottili.

 

Caffè Raf: gli ingredienti

 

zucchero vanigliato

espresso doppio

panna liquida (10% grasso)

sciroppi aromatizzati, per i più golosi